Oggi, 7 febbraio 2015, i miserabili della polizia investigativa guidati dalla putrida Procura Sud hanno arrestato il compagno anarchico Diego Rios nella città di La Ligua.

Per ora le informazioni non sono chiare, anche sul fatto se ci sono altri compagni arrestati, e nemmeno su come hanno scoperto il suo rifugio.

Ricordiamo che Diego è stato tradito dalla madre, il 24 giugno 2009, che aveva trovato materiali per fabbricare esplosivi durante il periodo di isteria repressiva dopo la morte di Mauricio Morales.

Da allora Diego ha intrapreso la clandestinità per più di cinque anni. Il compagno oggi è detenuto nella caserma di La Ligua aspettando domani in cui sarà formalizzato nel centro di (in) giustizia.

Il compagno affronta varie accuse, da un lato, come possesso illegale di armi da fuoco ed esplosivi (del giugno 2009), poi nel 2010 nei deliri repressivi del Caso Bombas è stato nuovamente coinvolto (in contumacia) per Associazione Illecita Terrorista.

Anche se non si sa precisamente quando il compagno sarà formalizzato, dalla stampa ipotizzano che potrebbe essere tra domani mattina e Lunedi, in questa occasione sarà chiaro per quali reati sarà accusato e, conseguentemente, a quale misura restrittiva sarà sottoposto.

Salutiamo la decisione indomita del compagno da quattro anni ad oggi, perché non saranno i mercenari assoldati né i miserabili perseguitori in giacca e cravatta che possono far tacere le decisioni e le convinzioni di porsi contro questo mondo miserabile.

TUTTI LA NOSTRA SOLIDARIETÀ CON IL COMPAGNO DIEGO RIOS!

TUTTO IL NOSTRO SOSTEGNO AI CLANDESTINI E PROFUGHI!

Nessuna minaccia né tanto meno i loro cani da caccia potranno mettere fine alla guerra sociale

… Siamo inarrestabili.

Traduzione: RadioAzione
fonte