In attesa di maggiori informazioni e comunicati, apprendiamo da compagne e compagni milanesi che intorno alle 7 di mattina di lunedì 17 novembre, le abitazioni di tre di loro sono state oggetto di perquisizione da parte del ROS dei carabinieri.
Per effettuare l’invasione delle abitazioni, le forze repressive hanno bloccato l’accesso alla via e, in alcuni casi, buttato giù porte e finestre.
A quanto pare, tutti/e rilasciati dopo le notifiche; sequestrati capi di abbigliamento, materiale informatico e cartaceo (computer, dispositivi usb, volantini, opuscoli, etc.).
I fatti contestati, con le relative notifiche di indagini in corso, riguardano l’irruzione in una sede del PD del quartiere Corvetto: l’11 novembre una ventina di incappucciati avevano invaso la filiale del partito srotolando uno striscione solidale con scritto “Blocchiamo gli sgomberi – No alla TAV”, acceso dei fumogeni e svuotato un estintore. Per l’odierna operazione repressiva, i poteri milanesi hanno scelto di coinvolegere l’antiterrorismo al fine di potenziare l’impatto mediatico di un’inchiesta altrimenti insipida e, ovviamente, consentire l’applicazione di dispositivi di controllo, sorveglianza e sanzionamento, che richiederebbero un iter procedurale molto più complesso: in sintesi, “terrorismo” significa intercettazioni, pedinamenti e misure cautelari, senza troppi passaggi burocratici.

Quasi contemporaneamente in un’altra parte di Milano, in via Vespri Siciliani al Giambellino, una parte del quartiere rispondeva a  un’operazione di sgombero militarizzata con un corteo spontaneo e lanci di oggetti contro le forze dell’ordine.

Seguiranno aggiornamenti.