perugiaPerugia. Assolti tutti gli anarchici perché il fatto non sussiste. La difesa: ‘sono anarchici non terroristi’. Quindi la Corte d’assise di Perugia smonta pezzo per pezzo l’inchiesta e l’accusa di ‘associazione sovversiva di matrice anarco insurrezionalista’ rivolta ai sette imputati da parte del sostituto procuratore Manuela Comodi. Sergio Stefani, da 5 anni in custodia cautelare, al pm: ‘Io sono anarco individualista, se lo segni visto che ci incontreremo sicuramente in futuro. Non posso ascoltare in silenzio le menzogne che la Comodi dice senza vergognarsi’! E infatti nessuna prova, ma solo accuse formulate sulla base di pregiudizi, quelli che da sempre piombano sulla testa degli anarchici, capri espiatori per ogni occasione. L’avvocato Caterina Calia: ‘Non c’è niente che ci fa pensare che volessero fare un attentato alla linea ferroviaria. C’è solo un volantino e i precedenti giurisprudenziali non ci dicono che la Fai è un’associazione. Non si può arrivare ad un’affermazione di sussistenza in sé dell’associazione. Ci devono essere degli elementi. Se troviamo un covo se ne può parlare, ma finché si tratta di uno scritto… Tra gli imputati non c’è vincolo alcuno e non c’è un documento attribuito a questa entità’.
Assolti perciò anche dall’accusa di sabotaggio alla linea ferroviaria Alessandro Settepani, Sergio Stefani, Stefano Del Moro, Anna Beniamino, Alfredo Cospito, Maria Maschietto e Maristella La Via.

Fonte: http://tuttoggi.info/articolo/59206/