UK,BRISTOL:AUTO INCENDIATE IN SOLIDARIETA’ A REMI FRAISSE E NIKOS ROMANOS,FAI/ELF TORCHES IN THE NIGHT

UK,BRISTOL:AUTO INCENDIATE IN SOLIDARIETA’A REMI FRAISSE E NIKOS ROMANOS,

Testo car-burnedrivendicativo:

La polizia francese ha ucciso Rémi Fraisse e nello stesso tempo cerca di schiacciare una combattiva occupazione del bosco di Sivens, fatta per impedire la costruzione di una diga. Abbiamo incendiato un veicolo di servizio della multinazionale francese GDF(che sta lavorando nella costruzione del nuovo reattore nucleare, non molto lontano da qui, a Hinkley Point, è implicata in progetti nucleari in vari paesi, impone dighe in territori indigeni irrecuperabili in Amazzonia con l’appoggio dell’esercito brasiliano, offre servizi di gestione di postazioni di polizia in questi luoghi, mantiene istallazioni nelle Isole Shetland in nome di uno dei più grandi terminali di petrolio e gas in Europa, gestisce diverse prigioni francesi, ed in generale sta progettando tecnologie per le stesse banche ed entità commerciali di sempre, cercando di mascherare il capitalismo industriale con lo sviluppo sostenibile).
L’azione è stata realizzata nella zona di Long Asthon, dove abbiamo bruciato pure un audace 4×4,due auto sportive di lusso, un veicolo della OCS ( che è considerata una delle principali imprese di sicurezza privata del Regno Unito, offrendo servizi di personale di guardia ,pattuglie, istallazione di videocamere di sorveglianza e monitoraggio ,ecc.)
In Francia, l’occupazione della ZAD(zona da difendere) non è stata soggiogata dalla progettata catastrofe ecologica che porta alla distruzione di habitat importanti, per irrigare colture di mais transgenico. L’anarchia si frappone al cammino degli industrialisti. Un’altra distruzione è possibile.
Le divisioni tra classi si allargano, le devastazioni dell’ambiente si succedono una dopo l’altra, il significato delle nostre vite si erode, e loro pensano che correremo tutti per la loro fantastica terra di comodità e ci annebbieremo la vista per ottenere benefici sociali? I livelli di miseria, vigilanza e di contenimento stanno aumentando, sono state tracciate delle linee ,noi sappiamo dove posizionarci. C’è tuttavia qualcuno che crede che la polizia tengano questa città completamente sotto il suo controllo?
Loro possono rinchiudere Reiss Goyan Wilson (per l’incendio di un commissariato di polizia a Nottingham durante gli scontri del 2011) però non possono uccidere le nostre memorie. Per quanto lo Stato reprima le manifestazioni fastidiose degli studenti, degli antiatoritarx e dei marginalx ,quelli che massacra senza pietà a Londra, Parigi o Ferguson,stanno riattizzando il fuoco di Agosto.
Nell’ anno che viene Bristol ostenterà il premio di Capitale Verde Europea. Come se qualcuno potesse credere che ci fosse la minima intenzione di fronteggiare il carnaio provocato dall’ideologia capitalista della crescita economica, ovviamente il discorso ecologico dal doppio significato(la guerra è pace, le città sono verdi, ecc)copre la gioia dei padroni quando i titoli attraggono extra investimenti alla crescente economia ‘verde ’ed ai sui annessi-mentre la crisi della biodiversità avanza incontrollata. E’uno scherzo(di quelli che si pagano caro),lo stesso di quando Nantes aveva vinto il premio per il 2013, dove un’altra ZAD, sta facendo crescere una dura lotta contro un esteso sviluppo aeroportuale ’verde’, con tutto quello che ne consegue.
Allo stesso modo non ci perdiamo dietro la farsa green-washing e gli interessi del capitale dietro di questa, no alle cerimonie di autocompiacimento, ma nei luoghi in cui costoro fanno il loro lavoro quotidiano, e qui nella strada, dove i valori e le norme di questa civiltà sono riprodotti. Niente affatto per caso, abbiamo dato fuoco alla notte, perché stare in piedi da una parte e confidando negli esperti non sarà mai abbastanza per affrontare la nostra situazione miserabile all’interno di un impero vacillante, biocida.

Contro la società di classe e lo sviluppo industriale, soprattutto quelli ridipinti in verde-Vittoria alla Z.A.D./Testet e alla Z.A.D./Notre-Dames-des-Landes-vittoria allo sciopero della fame a rotazione nel sistema delle prigioni greche(in supporto al nostro compagno confederato F.A.I Nikos Romanos) ed a tutti i prigionieri in guerra con il carcere.
F.A.I. Torches in the Night -Earth Liberation Front

FONTE ABC HURRICANE,contrainfo espanol
TRADUZIONE CROCENERA

Blanqui a Venaus

Pubblichiamo questi pensieri del sito finimondo, che condividiamo in toto:

«La politica è l’arte del recupero. Il modo più efficace per scoraggiare ogni ribellione, ogni desiderio di cambiamento reale, è presentare un uomo di Stato come sovversivo, oppure – meglio ancora – trasformare un sovversivo in un uomo di Stato. Non tutti gli uomini di Stato sono pagati dal governo. Ci sono funzionari che non si trovano in parlamento e nemmeno nelle stanze adiacenti; anzi, frequentano i centri sociali e conoscono discretamente le principali tesi rivoluzionarie. Discettano sulle potenzialità liberatorie della tecnologia, teorizzano di sfere pubbliche non statali e di oltrepassamento del soggetto. La realtà – lo sanno bene – è sempre più complessa di qualsiasi azione»
Dieci pugnalate alla politica, 1996
C’è una voce che circola da qualche tempo fra alcuni anarchici in Europa relativa all’ultima fatica editoriale del Comitato Invisibile, autore nel 2007 del best-seller internazionale L’insurrezione che viene. Si vocifera che gli aderenti al Comitato abbiano condiviso la bozza del testo con i loro amici politici sparsi qua e là per il mondo, per saggiarne le reazioni e ricavarne utili consigli. Orbene, nella prima stesura c’era un duro attacco contro gli anarchici, rei di non essersi prostrati adeguatamente al loro cospetto (e di aver sghignazzato davanti alla farsa di Tarnac, dove i presunti autori del libro, al bussar della polizia si erano precipitati nelle braccia protettrici di quella sinistra a cui fino alla vigilia dichiaravano guerra). Ma alcuni dei loro amici corrispondenti – dal nostro Belpaese, si sussurra – avrebbero suggerito loro di eliminare le parti troppo virulente, di ammorbidire i toni, perché in fondo, a ben pensarci, sono ancora tanti i servigi che i babbei libertari possono offrire. Un suggerimento che alla fine sarebbe stato accolto. La provenienza di questa voce è di un anarchico birichino che pare abbia avuto modo di leggere la bozza originale del testo, nonché la relativa corrispondenza. Sono i rischi della Comune e della condivisione degli strumenti, non si sa mai chi può buttare l’occhio in un computer lasciato acceso e incustodito!

Continue reading

Orte (Viterbo) – Liberati conigli e altri animali destinati alla macellazione

“Una volta un attivista per la liberazione animale di lungo scorso ha scritto che negli ultimi venti anni è incredibilmente aumentato il numero di persone vegetariane e vegan, ma il numero di attivisti è rimasto uguale. Questa cosa ci ha fatto pensare e ci è sembrato giusto riportare la liberazione animale al suo vero significato: liberare gli animali. Una notte di novembre abbiamo fatto visita ad un piccolo allevamento di Orte (prov. di Viterbo), abbiamo aperto le porte delle gabbie che imprigionavano una decina di conigli, offrendo loro la libertà. Abbiamo poi aperto il pollaio e portato via con noi una decina tra tacchini e altri volatili. Dedicato a chi è davvero attivo nella realtà, nei modi e con le forme che preferisce, e non sui social network!”

Grecia : Chiamata internazionale per la solidarietà rivoluzonaria con Nikos Romanos in sciopero della fame dal 10/11/2014

fantazya-20poster

 

Utilizzando il mio corpo come una barricata sto inviando un ricatto politico per conquistare qualche soffio di libertà dalla schiacciante condizione della carcerazione. Da lunedì 10 novembre 2104 inizio lo sciopero della fame senza fare neanche un passo indietro, con l’anarchia sempre nel mio cuore. Continue reading

Onesti e canaglie

Da Finimondo:

«Per infami che siano le canaglie, non lo sono mai quanto le persone oneste»

Pare proprio che questa massima di un scrittore francese dalle simpatie libertarie, celebre alla fine dell’Ottocento, non corra il rischio di trovare smentite. Sui treni in transito per la Svizzera – la civile Svizzera, la neutrale Svizzera, la pulita Svizzera – i doganieri passano un cotton fioc sul volto dei passeggeri dalla pelle nera al fine di prelevarne il DNA. Non importa chi siano, cosa facciano e dove siano diretti, il solo fatto che attraversino il paese – magari di notte, in seconda classe, su un treno economico – non può che destare sospetto. Certo, se scendessero da un jet privato, in giacca e cravatta, con una valigia piena di denaro da depositare in una banca elvetica, sarebbero i benvenuti. Ma si sa, i neri sono tutti canaglie e gli svizzeri sono tutte persone oneste.

Continue reading

Rivista “Avalanche”: “Percorsi liberatori d’attacco”. Testo di Nikos Romanos su organizzazione, sigle ed acronimi

Il seguente testo intende essere la continuazione del dialogo sugli strumenti dell’insurrezione anarchica e sui modi di organizarci; un dialogo iniziato ad un incontro anarchico internazionale in una campagna francese e che adesso continua da una cella del carcere in Grecia. Continue reading

Radiocane – Milano Corvetto: sul tetto, nelle strade, nei quartieri

da Radiocane

Quartiere Corvetto, Milano, 18 novembre 2014. Lo sgombero all’alba di due spazi occupati con cariche, lacrimogeni e arresti provoca un’immediata risposta che si diffonde nelle strade adiacenti. Nel racconto di un compagno, non solo il gusto della resistenza alla violenza poliziesca, ma anche del diffondersi di una solidarietà reciproca tra differenti quartieri popolari bersaglio di una enorme campagna contro le occupazioni.

Ascolta il contributo

PERUGIA: PROCESSO APPELLO OPERAZIONE SHADOW

E’ stato fissato per il 14 gennaio 2015 l’inizio del processo d’ appello dell’operazione Shadow, appello richiesto dalla pm Manuela Comodi.
In primo grado tutti/e i/le compagni/e , accusati di 270 bis,sono stati assolti.Un compagno condannato a 3 anni e 3 mesi per furto d’auto.

ansa_17269773_27450

Milano – Fiamme in una sede ALER

Apprendiamo dai media locali che nella notte di martedì 18 novembre, un incendio si è sviluppato nella sede ALER di via Inganni (nomen omen). Il coinvolgimento dell’ente in questione nella recente strategia di sgomberi contro abitazioni occupate, la gestione delle migliaia alloggi lasciati sfitti, gli scandali degli ultimi anni legati a una gestione speculativa dell’edilizia popolare, portano le forze repressive a ipotizzare un attacco diretto verso l’ente. Secondo una prima ricostruzione fornita dalle veline della questura, successivamente alla rottura del vetro di una finestra, una bottiglia piena di liquido infiammabile sarebbe stata lanciata all’interno dei locali, incendiando scrivanie, computer, registri e altro materiale.

[Pisa] Iniziativa e presentazione dossier contro Expo 2015

iniziiativa EXPO_1024x724“NESSUNA FACCIA BUONA , PULITA E GIUSTA A EXPO 2015”

Dossier su Slow food, Coop Italia, Eataly

Una critica al grande evento milanese che, concentrandosi sui tre attori che danno sostanza al tema ufficiale, intreccia analisi del discorso pubblico, politica economica e antispecismo.

21 NOVEMBRE 2014
ORE 18:00
POLO CARMIGNANI (dietro Piazza dei Cavalieri)

GARAGE ANARCHICO
e
FARRO E FUOCO