Entries tagged with “Nikos Romanos sciopero della fame”.


ATENE 10 DICEMBRE-Il ministro della giustizia greca Charalambos Athanasiou (Nea Dimokratia) ha fatto un emendamento alla legge sull’utilizzo del braccialetto elettronico (che non era passata nei giorni scorsi)dopo che Nikos Romanos ,al trentesimo giorno di sciopero della fame, aveva stamattina iniziato lo sciopero della sete.

Alle 2.30 di questa notte l’avvocato di Romanos aveva dichiarato ai media che il ministro della giustizia avesse mostrato disdegno per l’applicazione del braccialetto elettronico. Intanto continuavano le dimostrazioni solidali: sempre i media riportano di incappucciati che hanno dato fuoco a mezzi pubblici e di una bomba piazzata al di fuori di una banca.
L’emendamento cambia la legge, permettendo ai prigionieri di uscire dal carcere indossando il braccialetto elettronico di sorveglianza, dopo aver assistito al primo semestre di lezioni in video conferenza(nella prima versione della legge sui permessi di studio per i prigionieri si escludeva la possibilità di uscita dal carcere imponendo le lezioni in videoconferenza).

Nikos Romanos è prigioniero dello Stato a partire dal duplice esproprio di una banca e di un ufficio postale ELTA a Velventos, Kozani il 02.01.2013.

L’azione è parte di una lotta anarchica polimorfa contro i responsabili del saccheggio che Stato e Capitale effettuano sull’intera società.
Le scelte politiche e la lotta di Nikos Romanos seguono la rivolta del 2008. Lui si sta battendo per un mondo senza potere, sfruttamento e padroni. (altro…)

Ho scritto queste righe per esprimere quanto sia stato toccato dall’ampia e polimorfa attività di solidarietà dei compagni fuori dalle mura delle prigioni. Non solo perché la sua estensione, immaginazione, organizzazione-coordinamento, tenacità ed aggressività hanno superato, di gran lunga, le mie aspettative, sapendo che significativi edifici dello stato e del capitale, stazioni radio e televisive sono stati occupati, sono stati organizzati presidi e dimostrazioni nelle principali città del territorio, ed attacchi alle forze della repressione, come altri attacchi insorgenti di varia natura si sono verificati. (altro…)

thessaloniki-780x1024

Il 2 dicembre il tribunale ha nuovamente rifiutato i permessi di studio a Nikos Romanos, in sciopero della fame dal 10 novembre, Il compagno rifiuta di assistere alle lezioni dal carcere in videoconferenza.Contrariamente a quanto asserito dal ministro della giustizia ai mass media,il compagno ha rifiutato qualsiasi alimentazione per via endovena e assume solo acqua e zucchero.
il 3 dicembre ha fatto uscire dal carcere il seguente scritto:

Danzando con la morte da 24 giorni

(altro…)

fantazya-20poster

 

Utilizzando il mio corpo come una barricata sto inviando un ricatto politico per conquistare qualche soffio di libertà dalla schiacciante condizione della carcerazione. Da lunedì 10 novembre 2104 inizio lo sciopero della fame senza fare neanche un passo indietro, con l’anarchia sempre nel mio cuore. (altro…)

Annuncio dello sciopero della fame:

Asfissia per un soffio di libertà

La scorsa primavera ho sostenuto l’esame d’ammissione dall’interno del carcere e sono stato ammesso all’università di Atene. In base alle loro leggi, quindi, dal settembre 2014 sono idoneo al permesso formativo per poter frequentare i corsi.
Come previsto, le mie richieste sono finite nella catasta delle cose indesiderate, un fatto che mi ha portato a pretendere questi permessi utilizzando il mio corpo come una barricata.
A questo punto sento la necessità di chiarire il mio ragionamento politico per contestualizzare la scelta che sto portando avanti. (altro…)