Entries tagged with “Maddalena Calore”.


Apprendiamo da un giornalaccio di regime che Madda è stata arrestata ancora.

da estense.com:

Poggio Renatico. Da Poggio Renatico a Cagliari per rubare sigarette. Maddalena Calore, padovana che risiede a Poggio Renatico, 27 anni, nota per la sua attività anarchica a Bologna, è stata fermata lunedì dai Carabinieri del capoluogo sardo insieme al complice Francesco Manca, 43enne di Quartu, dopo aver rubato stecche di sigarette e altro materiale per un valore complessivo di circa 6mila euro da una tabaccheria.

I due, dopo essersi introdotti nel locale e sottratto la refurtiva hanno provato a scappare  a bordo di una Peugeot 206, ma sono stati tempestivamente fermati e arrestati dai carabinieri del nucleo Radiomobile.

Apprendiamo con gioia che la compagna Maddalena Calore è finalmente libera con l’unica restrizione del divieto di dimora a Trapani.

Un caro saluto a Madda e un grido di libertà per tutte e tutti!

Riceviamo e diffondiamo alcuni aggiornamenti su Madda:

18 marzo. Oggi c’è stata l’udienza definitiva di 1° grado del processo contro la compagna Madda che è stata condannata ad 1 anno e 4 mesi di reclusione dopo la richiesta di 3 anni fatta dal pm.
L’ avvocato adesso rifarà la richiesta di scarcerazione e, visto che Madda ha già passato quasi 9 mesi in carcere (la maggior parte del tempo in isolamento punitivo per gesti di solidarietà verso altre detenute, atti di resistenza contro le guardie e per il suo rifiuto e disprezzo verso il carcere e il mondo che lo produce), c’è la possibilità che le vengano dati i domiciliari o, purtroppo opzione remota, che venga scarcerata. Intanto il 27 marzo si terrà il riesame del tribunale della “libertà” riguardo alla sua scarcerazione.
Eravamo presenti all’udienza e, nonostante i tentativi delle guardie di impedirci contatti con la compagna, siamo riusciti a salutarla ed esprimerle solidarietà.

Nessuna denuncia, condanna o punizione assopirà mai la nostra voglia di lottare e distruggere qualsiasi tipo di sfruttamento e oppressione, niente spegnerà mai la nostra voglia di libertà!

Solidarietà per Madda!
Libertà per tutti/e!
Delle galere solo macerie!

Il contatto per sostenere la compagna:

Maddalena Calore
CC di Agrigento
Contrada Petrusa
P.zza P. di Lorenzo 4
92100 Agrigento

Cassa Antirepressione Sud

Riceviamo e diffondiamo notizie sulle motivazioni del trasferimento di Madda ad Agrigento e sulla sua situazione attuale:

Segue (tardivo) resoconto delle vicende relative al trasferimento di Madda dal carcere “Pagliarelli” di Palermo a quello di Agrigento, da lei comunicate ad alcuni compagni.

Il tutto ha origine il giorno 25 di gennaio. Durante le fasi finali di un colloquio con la sorella, le due si abbracciano, al che la guardia inizia a sbraitare per l’ “evidente” violazione del regolamento. (altro…)

…] qui sopra v’ho fatto 1 disegno (ho sempre lo stesso in testa che lo ripropongo a molti/e…) comunque semmai nella prossima agenda lo pubblicaste mi farebbe molto piacere (la lettera di ringraziamento non occorre). Intanto sorry, mi sarei sbizzarrita di più se avessi avuto i colori per puntualizzare le punte delle fiamme in rosso come le ali della fenice ma qua in isolamento non è che si può tenere molto… […]

Maddalena Calore
Sezione Alta Sorveglianza 2
Carcere di Rebibbia femminile – Roma
4 aprile 2012

Da Radio Onda Rossa

riceviamo e diffondiamo:

Abbiamo appreso oggi che qualche giorno fa Maddalena Calore (Madda), rinchiusa fino a poco tempo fa al carcere di Trapani, è stata trasferita al carcere Rebibbia a Roma.
Di conseguenza il presidio sotto al carcere di Trapani indetto per Sabato 7 Aprile verrà annullato.
Seguiranno aggiornamenti sulla situazione…

Madda libera!
Liberi tutti!

Anarchici catanesi


Madda è detenuta nella sezione femminile della Casa Circondariale di Rebibbia.

Per scriverle:

Maddalena Calore
C.C. – Via Bartolo Longo 92 – 00156 Roma

Da un aggiornamento dei compagni catanesi apprendiamo che, in seguito all’udienza di convalida, Madda è stata scarcerata e si trova ora agli arresti domiciliari ad Alcamo.

Apprendiamo dai media di regime del 16/2/2012 che la compagna anarchica Maddalena Calore è stata arrestata ad Alcamo, in provincia di Trapani. Secondo la ricostruzione degli sbirri, ridicolmente condita dai giornalisti, l’arresto in flagranza sarebbe dovuto alle accuse di violazione dell’obbligo di dimora in provincia di Cagliari, false generalità, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Madda Libera!
Sbirri e giornalisti vili servi infami!

———————-

Secondo quanto riferito dai compagni di Catania. pare che Madda abbia ricevuto parecchie botte, con conseguenti 4 punti di sutura in testa e che al momento sia in isolamento, sempre nel carcere di Trapani. Per scriverle:

MADDALENA CALORE
Casa circondariale
Via Madonna di Fatima 222
CAP 91100   Sicilia(TP)

Segue comunicato solidale:

Abbiamo appreso dagli infami mezzi di comunicazione di massa che la compagna Madda (Maddalena Calore) è stata tratta in arresto dalla Polizia di Alcamo e probabilmente tradotta alla casa circondariale di Trapani, dove sabato 18 Febbraio si deciderà la convalida o meno dell’arresto. Madda è stata fermata ad un posto di blocco, le accuse a suo carico sono: violazione dei termini di custodia cautelare (obbligo di dimora nella provincia di Cagliari), false generalità e resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. I giornali, fin da subito, hanno rispolverato ogni suo precedente, snocciolando i suoi ultimi anni da un punto di vista poliziesco e repressivo. Che la si accusi di aver pianificato il suo odio contro le forze dell’ordine o la sua incompatibilità con l’ordine costuito non ci sorprende, visto che anche nei nostri cuori battono le medesime pulsioni. Stavolta è toccato a lei essere il mostro sbattuto in prima pagina, mentre gli omicidi compiuti dagli assassini in divisa trovano spesso comprensione e solidarietà da parte delle istituzioni e dalla gente intrappolata nel delirio securitario. Non è difficile comprendere che l’unica colpa di Madda è quella di essere nemica di un ordine basato sullo sfruttamento, sulla morte e la miseria. La caparbietà che ha sempre dimostrato nelle lotte per la salvaguardia della terra e la liberazione di qualunque essere la abiti, la forza d’animo con cui ha affrontato a testa alta le autorità e le loro punizioni ci rendono
fieri di essere suoi complici e solidali.

Seguiranno aggiornamenti.

NE’ COLPA NE’ INNOCENZA, MA FIERA RESISTENZA.

Anarchici etnei
cenere.noblogs.org