Entries tagged with “Riot Grecia”.


r11

Martedì 17 marzo ,nel pomeriggio ,si è tenuta nel centro di Atene una manifestazione in solidarietà prigionieri in  sciopero della fame nelle carceri greche. Il corteo è iniziato in piazza Monastiraki, è passato per le vie Athinas e Stadiou, attraverso piazza Syntagma fino a Propileos. Sul finire della manifestazione, che contava 1.500-2.000 persone, sono state fatte barricate ad Exarchia, ci sono stati scontri con le guardie e veicoli di lusso incendiati.
Fonte contrainfo espanol
Traduzione Crocenera

….sol5-1024x682sol2-1024x682

Un breve video degli scontri fra Anarchici e polizia avvenuti nella notte del 26 Febbraio

Buone pratiche, una merda in meno.

Da Crocenera:

domokos

Il capo dei guardiani della prigione di massima sicurezza di tipo C di Domokos, è stato ucciso nella sera di sabato (21/02/2015) nei pressi della città di Lamia, nel centro della Grecia, secondo quanto detto dalla polizia.

Secondo le informazioni che sono uscite fin ora, la vittima, di 47 anni, ha lasciato la sua abitazione nella zona di Kouvela, situata tra le città di Lamia e Stylida, poco prima delle 17.30 per recarsi a caccia nella zona circostante.

Quando è entrato nella sua jeep, un auto di passaggio con 2 o 3 persone a bordo gli si è avvicinata ed ha aperto il fuoco con Kalashnikov ed una pistola 9 mm. La vittima è stata raggiunta da 20 proiettili alla testa ed al petto e non ha avuto tempo di reagire.

Tratto da 325 no state

Traduzione Croce Nera Anarchica

Testo rivendicativo:
Il 17 gennaio 2015 ci siamo presentati al commissariato di polizia nella zona di Charilaou, nella città di Salonicco ,per restituire un po’ della violenza a coloro che sono i primi ad esercitarla quotidianamente.
Se facessimo un elenco degli incidenti dovuti alla brutalità poliziesca degli ultimi mesi, vedremmo che sarebbe piuttosto ampia: la repressione delle manifestazioni del 17 novembre e del 6 dicembre in tutta la Grecia, la repressione contro le donne delle pulizie licenziate dal ministero delle finanze, la repressione contro le proteste dei disabili e le operazioni di pulizia contro i migranti, sono solo alcuni degli incidenti registrati. Nessuno di questi eventi ci ha sorpreso, ci hanno solo riempiti di maggior odio. Le vaghe denunce sull’uso spropositato della violenza, a parte il fatto che non ci interessano, servono solo a travisare ed occultare l’essenza del ruolo che questi porci giocano in generale. Come guardiani del sistema, saranno sempre colmi d’odio per quellx che lottano contro questo ed i perturbatori dell’ordine e cercheranno di provocare timore e paura tutti gli altri.

(altro…)

image

Nelle prime ore del 6 giugno, abbiamo attaccato una filiale Alpha Bank all’incrocio delle strade Athinon e Larissis. Abbiamo scelto questa azione come strumento di attacco contro il tentativo dello Stato ci costruire prigioni di tipo C e in segno di solidarietà con i prigionieri in lotta.
Coloro che vogliono le vetrine senza danno alcuno, possono rinchiudersi dietro le serrande di sicurezza.
Noi salutiamo tutte le azioni che rompono l’inerzia e cercano la decostruzione completa della esistente.
Lotta polimorfa fino alla distruzione di ogni struttura autoritaria.
Fuoco ed esplosioni a tutte le carceri!
anarchici

Fonte: CONTRAINFO versione spagnola

Testo rivendicativo:

Il 3 Maggio 2014, alle 6.40 del mattino, abbiamo lanciato delle molotov contro la sede del KKE (Partito Comunista Greco) sita in Socratous street, nel centro di Salonicco, che è utilizzata principalmente come ufficio elettorale. Questo attacco in particolare è stato descritto dai membri del KKE come una vigliaccata.

I vigliacchi sono quelli che credono in uno stato controllato da loro, che amano definirsi leadership rivoluzionaria, che elimineranno lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo. Quando chiamano la KNAT* per intervenire e sopprimere le lotte che non possono guidare o controllare (perché, sfortunatamente per loro, in alcune occasioni la massa smette di essere tale), chi sono i codardi allora?

Esempi come la rivolta del Politecnico nel 1973, l’occupazione della Facoltà di Chimica ad Atene nel 1979, la rivolta del Dicembre 2008, la difesa del parlamento nel 2011 dimostrano non solo il loro carattere di divisori, ma soprattutto la loro paura che noi scopriamo quanto sia marcio ciò che fanno loro. Oltre a questi fatti, nella nostra vita quotidiana affrontiamo il loro sessismo, omofobia, il potere che cercano di inculcare nelle menti dei ragazzi, il loro sindacalismo burocratico, anche le violenze domestiche, quando qualcuno dei genitori o dei parenti non è membro del KKE, o del braccio giovanile KNE, o del sindacato PAME, o dell’organizzazione studentesca MAS, o qualsiasi altra cosa sia loro.

Tuttavia insistono che noi dovremmo votare per loro. Per noi votare significa sottometterci. L’astensione dalle urne, e ogni giorno e OGNI NOTTE nelle strade; e state attenti Stalinisti.

Come per la parola vigliacchi, ma anche per altre cose che occasionalmente cercano di affibiare al movimento anarchico, non preoccupatevi, ariverà il tempo che getteremo via i cappucci, e quando quel tempo sarà giunto state sicuri che non esisterete più; molto semplice.

KNAT=MAT
KKE=Kettling [NdT, tattica poliziesca usata per contenere le manifestzioni di piazza], Kneeling [Sottomettere], Exploiting [Sfruttare]

Per il Caos e l’Anarchia

_

* “KNAT” è un comune gioco di parole che è composto da KNE, organizzazione stalinista giovanile, e MAT, reparti di polizia antisommossa; nel comunicato greco, il significato è “KKE= partito di pietosi idioti”.

 

fonte

lambros

 

“Con le torce spente già da molto tempo, i miei vecchi compagni camminano aggirando le pupille dei miei occhi… Stringo le labbra e urlo… Succede quando loro selvaggiamente invadono le mie arterie trascinando l’asta spezzata, e là, nella ottava arteria, in una piccola cavità del cuore, dove i miei compagni morti dormono, io inizio la mia battaglia in sussurri…”

Devi spingere le tue azioni ai loro limiti più estremi; metterti alla prova nella lotta, con tutto il tuo essere all’erta combattiva; trovarti nelle assemblee, manifestazioni, scioperi selvaggi, sulle barricate, proprio come lo faceva Lambros; essere in tempo per i momenti cospiratori, presente nel mappare il nemico e la città, attento alle necessità dei rifornimenti, preparato ad oliare le armi da sparo, e gettarti con tutto il cuore nella lotta, come un tuono…

Dovresti iniziare tutti questi processi, e qualunque sia il loro inizio assicurarti un buon fine, perché la Storia rimane scarsa se noi non le diamo un tocco…

Da nostra parte, muovendoci costantemente in questo contesto, abbiamo onorato la memoria del combattente anarchico e rivoluzionario, Lambros Foundas, sabato notte, 8 marzo 2014, attaccando la stazione di polizia in Nea Chalkidona, sobborgo di Atene; cogliendo nuovamente il meccanismo statale di sorpresa, abbiamo bruciato la macchina di pattuglia parcheggiata fuori, come pure la guardiola e l’entrata della stazione degli sbirri, mostrando a loro che sono i combattenti, e solo loro, che scelgono il luogo, il tempo e il modo per scatenare il loro odio contro i stabiliti nemici della libertà…

Lambros: non sei stato assente da nessun momento di lotta, perché sei sempre presente, come lo sei sempre stato…

Lambros: niente è finito, perché tutto continua…

Onore per sempre a Lambros Foundas, che quattro anni fa (10. marzo 2010) ha solo preso una pausa, a Dafni, Atene, e continua ad ispirarci con il suo modo personale e unico.

Prima di tutto e sempre rivoluzione, fino alla vittoria…

 

Tradotto da Erika

fonte

“Durante la mia prigionia ho scoperto che oggi devi essere sporco, immorale, squallido, marcio e un traditore, perché queste sono le uniche persone che ho visto essere abbracciate, protette e accarezzate da questa società. Quelli che hanno rifiutato di accettare questi valori marci come un modo di vivere hanno sofferto o soffrono in questo momento tutta la tortura moderna. Personalmente non mi piacciono questi valori e questa società, che riconosce questi valori come una realtà, li disprezzo e sputo su essi. Mi hanno distrutto ogni caso, fisicamente, psicologicamente, spiritualmente e socialmente, ma quel poco che ho lasciato dentro di me l’ho salvato nel profondo e finché respiro non potrò mai smettere di usare qualsiasi forza che ho lasciato esternare in alcun modo e non potrà mai smettere di lottare per la mia libertà “ (altro…)