Entries tagged with “DIGOS BOIA”.


Riceviamo e pubblichiamo:

Il 5 marzo alle 6 e mezzo del mattino, agenti della DIGOS di Livorno si sono presentati nelle case di 5 tra compagne e compagni del Garage Anarchico di Pisa, accompagnati da un’unità cinofila e mostrando un decreto di perquisizione firmato dal sostituto procuratore Giuseppe Rizzo della procura di Livorno, per i reati di detenzione e porto in luogo pubblico di esplosivi. Sui verbali non compare alcun fatto specifico che avrebbe indotto i geni a supporre che detenessimo nelle nostre abitazioni del materiale esplodente.

In questura, oltre alle foto e alle impronte digitali di routine hanno preteso di fare il tampone per il prelievo del DNA che, di fronte ad un rifiuto, sarebbe stato prelevato in maniera coatta perché, nel caso specifico, disposto dal sostituto procuratore.

Garage Anarchico

—————–

Sembra che gli inquisitori pisani abbiano ripreso le loro vecchie sudicie abitudini persecutorie. Esprimiamo tutta la nostra solidarietà complice ai ribelli del Garage. Viva l’anarchia, a morte l’autorità!

Anarchici Pistoiesi.

Anche in merito a quanto raccontato dal compagno milanese volevo segnalare che un paio di settimane fa, tornando dalla cena dell’Asilo Occupato, sono stato fermato dalla digos alla stazione torinese di Porta Nuova. I questurini senza farmi troppe domande mi hanno requisito telefono e zaino e mi hanno fatto salire su una volante e portato in questura, vedendomi anche negata la possibilità di chiamare il mio avvocato. Sono stato rilasciato dopo un’ora e mezza, dopo essere stato fotografato, analizzato, prese le impronte digitali. Non mi hanno lasciato nessun foglio, e nei giorni successivi mi sono accorto anche di alcune mancanze dallo zaino che per un’ora e mezza mi è stato sequestrato. Sottolineo come, al momento del fermo, io non stessi facendo altro che uscire da un tram. Questo è quanto, spero, credo renda bene l’idea del clima che si respira a Torino.

Giulio

Premessa: sono imputato nel “processone NoTav” di Torino per i fatti del 27 giugno e del 3 luglio, e  per altri procedimenti a mio carico sono sottoposto a obbligo di firma e di dimora a Milano. Pertanto ogni qualvolta ritengo opportuno presenziare alle udienze nell’aula bunker delle Vallette sono costretto a richiedere l’autorizzazione a lasciare il comune di residenza.

Sabato 23 novembre sono andato a firmare al commissariato di zona. In questa circostanza un agente mi consegna l’autorizzazione di cui sopra, graffettata insieme a un invito, emesso dalla Digos di Milano, a presentarmi in questura per il successivo mercoledì. La cosa non mi stupisce, dal momento che anche in passato alla mia richiesta era seguita analoga convocazione. (altro…)