Archive for Giugno, 2014

da finomondo:

Un cadavere si aggira per il mondo. Il cadavere dell’ideologia. Laddove la teoria è l’insieme organico delle idee possedute da un individuo, per ideologia si può intendere l’insieme di idee che possiedono un individuo. E le idee che costituiscono una ideologia sono come le macchine; ogni anno ne viene immesso sul mercato un nuovo modello che sostituisce quello precedente, sebbene siano assolutamente identici nella loro funzione alienante.

(altro…)

«10/6/2014,
Cuneo.

Sono 27 gli episodi incriminati, attraverso cui le autorità, il 3 giugno scorso, hanno spiccato 17 arresti, 12 in carcere e 5 ai domiciliari, 4 obblighi di dimora e 4 divieti di dimora da Torino e 4 obblighi di firma. Sotto inchiesta è finita la lotta contro gli sfratti, sviluppatasi nelle strade di Porta Palazzo, Aurora e Barriera di Milano a Torino. (altro…)

l acerchiata-page-001_566x800

Sabato, al termine della street parade cittadina il Buridda è rinato in Corso Monte Grappa, dov’è stata occupata l’ex facoltà di magistero.

FIRENZE. I poliziotti di Grosseto saranno presto dotati di spy pen per video-fono registrare i loro interventi “a tutela del personale in divisa e anche dei cittadini contro eventuali abusi, da qualsiasi parte commessi”. A lanciare l’iniziativa il sindacato autonomo di polizia Sap: presto, si legge in una nota, sarà estesa in tutta la Toscana. Intanto, spiega il segretario provinciale del Sap di Grosseto Stefano Fabbrini, si parte con 5 spy pen, che saranno distribuite ad altrettanti poliziotti iscritti al sindacato. Il costo di ciascuna di queste penne con microcamera, da portare nel taschino, varia, si spiega ancora, dai 30 ai 50 euro. Grosseto, aggiunge Fabbrini, è la prima città in Toscana interessata dall’iniziativa del Sap, già attiva invece tra i colleghi dell’Emilia Romagna e servirà agli agenti sia per i servizi di ordine pubblico che per gli interventi di pattuglia.

Questi i dispositivi ritrovati nei giorni scorsi nei vicoli intorno alla Casa Occupata di vico superiore di Pellicceria 1, Genova.
3 microcamere puntate sui vari ingressi dell’occupazione.

Ringraziamo gli inquirenti per la cortese attenzione e la Fondazione Spinola per la pronta disponibilità nel concedere gli spazi per spiare le vite altrui. I dispositivi infatti, erano posizionati su tre differenti finestre dei locali della Fondazione, nel comprensorio della chiesa di San Luca.

A buon rendere.

Di seguito i dati dei dispositivi:

1


Elkron MRC-DDN001-HR 4.3mm
microcamera colore Digital Day&Night
Risoluzione 550 TVL – Ottica pinhole 4.3mm
Alim. DC 12v – 90 mA max
Made in Korea
SERIAL N°: M2600460

2


Elkron TC700C/COL- 12vDC
Microcamera colore
Risoluzione 380 TVL – Ottica pinhole 4.3mm
Alim. DC 12v – 120mA max
Made in Korea
SERIAL N°: J6100860

3


Elkron B/W CCD CAMERA
power DC12V 100mA
Made in Korea
SERIAL N°: F809138

Apprendiamo dai giornali locali che la notte tra il 12 e 13 giugno a Trento, ignoti hanno lanciato una bottiglia molotov contro il portone della sede del PD bruciandone una parte.
Sul luogo sono stati trovati volantini in solidarietà ai quattro No Tav arrestati lo scorso 9 dicembre 2013.

Ribelle, perchè oggi la società m’opprime e vuole impedire la libera espansione del mio essere, io adopero tutte le armi per combattere.
Ribelle contro la massa che anch’essa mi è nemica con le superstizioni, morale, degradazione, ecc. Pure contro la massa combatto. Solo in lotta per la MIA redenzione, per la MIA libertà, per il MIO presente.
Di tutto il resto me ne infischio”. Bruno Filippi

L’11 Luglio si terrà a Torino il G7 ed immancabilmente la città sarà teatro -mai termine calzò più a pennello- di una mobilitazione organizzata da varie realtà nazionali.

Anche alcuni anarchici e anarchiche hanno deciso di rilanciare la giornata e questo mi lascia decisamente perplesso. L’11 Luglio sarà l’ennesima messa in scena della rabbia sociale che si inserisce in un contesto quotidiano di conflitto quasi assente (tranne alcune realtà), che spesso si muove su basi rivendicative o a bassissima intensità; l’11 Luglio sarà l’ennesima giornata che servirà politicamente ad alcuni per guadagnare spazio sui media di regime, meglio se ci sarà qualche scontro e qualche arresto, poi passata l’onda dell’”indignazione” la sostanziale pace sociale tornerà a regnare nel belpaese, fino almeno alla prossima messa di piazza. (altro…)

Alcuni anni fa mentre ero dietro le sbarre a causa di un’azione politica, due “anarchici” europei che non avevo mai incontrato prima vennero a visitarmi. Mi dissero che condividevano le stesse idee per l’azione che avevo fatto. Ma una cosa sembrava infastidirli e da qualche tempo ora che sono “libero”, ho capito da alcune delle mie corrispondenze con individualità del cosiddetto “movimento anarchico e attivista dal locale all’internazionale”, che l’idea di chiamare FAI una cellula è una grande questione. (altro…)

La bellicosità della dignità

“E un giorno ti dirò quanto ti ho amato, ma dovrai incontrarmi di persona. Come un boia … ho annaffiato le rose della compassione mentre dormivano, io, un uomo malato di convinzioni, un genio della sofferenza (colpito alla testa per un periodo più bello) e, forse, le nostre lacrime vanno oltre i nostri sogni.

Al calar della notte, ho dovuto riconquistare la mia innocenza perché le stelle arrivassero in tempo.

E siamo soliti uccidere il presente con la paura o i rimorsi, ma ancora di più con i sogni “

Tasos Livaditis

Lo scopo di questo testo è quello di costruire ponti di comunicazione con tutti i compagni che mantengono vivo l’impegno per la distruzione, per dare vita ai miei pensieri e riflessioni che attraverso queste frasi viaggiano e si incontrano con quanti credono, come credo io, che solo attraverso una lotta costante possiamo riappropriarci delle nostre vite, alle nostre condizioni. Una lotta costante che si manifesta in mille modi diversi che si indirizzano tutti ad un obiettivo. (altro…)