Archive for Luglio, 2014

Venerdì 18 Luglio 2014 ore 9

Piazzale Clodio, Tribunale di Roma

Presidio Complice e Solidale per Gianluca e Adriano

No alla videoconferenza!

Tutte libere! Tutti liberi!

Gianluca e Adriano

«Carcere di Asti, 11 luglio 2014

Ciao cari,

sono in isolamento disciplinare per una settimana. Mi volevano mettere in isolamento con cella “liscia” (senza nulla), ma mi sono legato al blindo con una cintura e non hanno voluto portarmi con la forza, quindi resto in sezione con blindo chiuso. Pretendevo di sapere i motivi del divieto d’incontro con Andrea, ma soprattutto che venisse tradotto in sezione invece che rimanere ai “transiti” (PTB). I “Transiti” sono fatti per rimanerci due o tre giorni al massimo e quindi ad eccezione dei momenti in cui c’è qualche nuovo arresto sono completamente vuoti e comportano pertanto, rimanendovi a lungo, una solitudine quasi perenne. (altro…)

 in-solidarity-with-anarchist-Nikos-Maziotis-1024x768

(Traduzione dello striscione attaccato fuori al Politecnico di Atene: Stato e Capitale sono gli unici terroristi. Solidarietà con N. Maziotis)

Il giorno 16 Luglio 2014  il compagno anarchico, membro di Lotta Rivoluzionaria, Nikos Maziotis è stato riarrestato dalla polizia nel centro di Atene. L’arresto è avvenuto nelle prime ore del mattino in seguito ad una sparatoria con la polizia a Monastiraki.

Il compagno è stato gravemente ferito e trasferito all’ospedale Evangelismos sotto stretta sorveglianza, dove è ancora ricoverato. Secondo il suo avvocato, la vita del compagno è fuori pericolo.

Siricorda che Nikos Maziotis era latitante da due anni

Dalle ore 22:30 circa, decine di anarchici si sono riuniti per un’ora fuori dell’ospedale per dimostrare la loro solidarietà con il compagno .

Seguiranno aggiornamenti…

(altro…)

Il 15 luglio 2014, alle ore 15.00, si è tenuta l’ultima udienza del processo per i fatti di Piazza Verdi del 2007, nella quale sono sotto processo quattro compagni e una compagna.
Sono state vagliate le richieste di condanna dal pm (simone purgato) che variano dai 6 anni e mezzo ai 7 anni e mezzo.
MASSIMA SOLIDARIETA’ E COMPLICITA’ CON FACO, SIRIO, JUAN, MADDA E FACO!
I veri pazzi stanno fuori! (altro…)

da macerie

Carcere delle Vallette

Sarebbe estremamente lungo e difficile esprimersi su ognuna delle innumerevoli cose dette e fatte in solidarietà nei nostri confronti. È più facile mettere insieme le suggestioni, i pensieri leggeri e quelli pesanti, un po’ di nostalgia dolce, qualche perplessità e riversare tutto su questi fogli.
Un continuo e impressionante succedersi di messaggi pubblici e privati, di inziative, prese di posizione ed azioni, individuali e collettive, hanno puntellato questi mesi. Questo flusso di affetto ci ha tenuto sempre il cuore al caldo e riempito lo stomaco di farfalle, sensazioni che a volerle descrivere mancano le parole. Nessuno di noi si è mai sentito “stremato” o fiaccato dalla detenzione. La galera è lo stesso corto circuito di logica e di umanità per chiunque ci ha a che fare e quasi tutti l’affrontano, a differenza di ciò che è successo a noi, privi di qualsiasi sostegno affettivo, economico e legale, e senza nessuno che si strappi pubblicamente le vesti. (altro…)

COMUNICATO SULLA DETENZIONE DI MICHELE A FERRARA:
Per telefono la madre di Michele ha raggiunto gli addetti del carcere di Ferrara. Le notizie sono queste e non ci piacciono per niente.
E’ tenuto in regime di “Alta sicurezza”; non hanno nessuna struttura per celiaci e contemporaneamente ci è impedito di potergli portare pacchi, quindi alimenti.
Michele è affetto da celiachia, intolleranza al glutine, per cui gli è fatto divieto medico di assumere cibi che contengano glutine, in parole semplici, il pane che mangiamo tutti i giorni, la pasta che mangiamo tutti i giorni, i dolci che mangiamo tutti i giorni, tutti i salumi perché sono trattati con le farine, la pizza, la birra e gran parte degli alimenti.
Le conseguenze sono forti dolori fisici immediati che si hanno assumendo glutine e pregiudizio sulla salute con il concreto rischio di sviluppare malattie gravi nel breve tempo ( dal diabete alla tiroide ) e nel lungo periodo malattie ancora molto più gravi.
ALZIAMO IL LIVELLO DELLA PROTESTA. METTIAMO QUESTO STATO,CHE HA SUPERATO VERSO MICHELE IL CONFINE DELLA CIVILTA’ PER APPRODARE A QUELLO DELLA BARBARIE, NELLE CONDIZIONI DI CAMBIARE ATTEGGIAMENTO.
Comitato23Ottobre

Questa mattina Lucio e Francesco hanno ricevuto la visita degli 
avvocati, che li hanno trovati bene ed in forma. Graziano, invece, 
trovandosi a Lecce, ha sentito per telefono gli avvocati: anche lui sta 
bene.

ecco gli indirizzi per scrivere loro:

Mazzarelli Graziano
casa circondariale
via paolo perrone 4
Borgo S.Nicola
73100 Lecce

Alberti Lucio
Sala Francesco

casa circondariale San Vittore
piazza filangeri 2
20123 Milano

[…] La virtualizzazione di un processo, per quanto significativa, è in fondo poca cosa comparata alle nefandezze dell’autorità (in questo caso giudiziaria) ma è comunque indicativa in relazione a quella che è la virtualizzazione della vita, volta a controllare e annichilire, dove vengono meno emozioni, espressività e sensorialità… dove viene meno la bellezza stessa della vita e la libertà di viverla realmente.”

 Da un comunicato di Adriano

 

Gianluca e Adriano si trovano reclusi nelle carceri di Alessandria e Ferrara in Alta Sicurezza 2 dal settembre 2013 perchè accusati di associazione con finalità di terrorismo ed eversione dell’ordine democratico, in quanto ritenuti autori di diverse azioni, attacchi e sabotaggi avvenuti ai Castelli Romani contro banche, multinazionali del petrolio e in difesa della terra. (altro…)

ACCANIMENTO INFINITO CONTRO MICHELE: TRASFERITO DAL CARCERE DI MAIANO A DESTINAZIONE PER ORA SCONOSCIUTA
Quando l’avvocato Parente è arrivato al carcere di Maiano poco fa, gli è stato comunicato che Michele era stato trasferito per ordine del Ministero.
Le stesse guardie del carcere apparivano stupite per una prassi insolita a cui non sapevano dare alcuna spiegazione.
Moltiplichiamo le nostre presenze stasera alle 19 in Piazza del Comune.
Trasferito perché, visto che di fatto è un prigioniero comune e l’associazione sovversiva è stata cancellata da l’ appello e dalla cassazione.
Dobbiamo dare credito alla notizia fatta filtrare ieri sul Messaggero che: “A Fabiani non è stata concessa la sospensione della pena per via della vicinanza con ambienti eversivi”.
Saremmo noi gli ambienti eversivi ? Eversivi così pericolosi da indurre il Ministero a portarlo via da Spoleto in meno di 24 ore ?
Spoleto e tutti coloro che non sono disposti ad accettare queste carognate devono dire la loro anche stavolta, sappiamo che lo faranno.
Comitato23ottobre

Apprendiamo che gli aguzzini togati hanno confermato le condanne ai compagni Nicola e Alfredo, incarcerati per l’azzoppamento del nuclearista Adinolfi. Solidarietà ribelle ai compagni sequestrati dallo stato! Seguiranno eventuali aggiornamenti.